Puglia, Legge Comunità Energetiche

3 Agosto 2019

INTRODUZIONE

La Puglia si conferma ancora una volta leader nell’ambito della promozione dell’Efficienza Energetica e dell’Energie da Fonti Rinnovabili.

La legge sulle Comunità Energetiche viene emanata a pochi giorni da un altro passo molto importante, l’istituzione del Reddito Energetico.

Se sei interessato a quest’argomento CLICCA QUI sull’articolo di approfondimento dedicato.

COSA SONO LE COMUNITA’ ENERGETICHE

La figura delle Comunità Energetiche nascono con l’obiettivo di ripensare l’autoconsumo e la generazione distribuita massimizzando l’efficienza.

Di fatto lo scopo è quello di creare gruppi costituiti da cittadini, enti locali e PMI che si associano per la produzione, l’accumulo e il consumo di energia in forma aggregata.

Ebbene ricordare che tutto parte con il recepimento da parte del senato della Direttiva 2001/2008/UE  della comunità europea, una serie di normative in materia di autoconsumo e comunità energetiche incentrato sullo sviluppo delle fonti rinnovabili, e nello specifico degli articoli 21 e 22 che sono elementi essenziali per lo sviluppo di una vera generazione distribuita e pulita.

Per fare un esempio pratico ad oggi un impianto realizzato sul tetto di un condominio non può cedere energia ai diversi appartamenti. l’ARERA identifica come unica forma ammessa di autoconsumo è one to one ovvero un impianto un consumatore.

L’articolo 21 della  direttiva parla di autoconsumo elettrico collettivo. In particolare è stato stabilito che è possibile produrre, accumulare e vendere energia con un modello da uno a molti (one to many).

Come lascia ben pensare esso rappresenta uno stravolgimento dell’attuale regolamentazione.

Se sei interessato a quest’argomento CLICCA QUI  sull’articolo di approfondimento dedicato.

L’obiettivo del senato è dare un nuovo approccio all’attuale quadro normativo italiano sull’autoconsumo, costituito da disposizioni frammentarie e disorganiche.

L’autoproduzione e distribuzione di energia da fonti rinnovabili è oggi competitiva e rappresenta una straordinaria opportunità di sviluppo locale in chiave di sostenibilità ed economica circolare.

Infatti se da una parte c’è la necessità di aumentare la capacità di produzione energetica da fonti rinnovabili, dall’altra è importante massimizzare l’efficienza energetica aumentando il consumo nelle ore di funzionamento del rinnovabile e diminuendo il dispendio di energia persa sulle linee di trasporto.

A livello nazionale, dopo l’audizione degli operatori di settore avvenuta a marzo 2019, la commissione industria al senato ha approvato una risoluzione che prevede dei meccanismi premianti per l’autoconsumo e delle agevolazioni fiscali / contributi in conto capitale a favore delle comunità energetiche.

COSA PREVEDE LA LEGGE APPROVATA

La Puglia, tra le prime regioni italiane, ha approvato una legge in materia.

Essa prevede l’istituzione di comunità che hanno l’obiettivo di gestire un sistema energetico locale senza finalità di lucro.

La Regione, attraverso bandi pubblici, metterà a disposizione risorse finanziarie per sostenere la  la fase di costituzione delle comunità energetiche.

Verranno predisposte delle graduatorie a punteggio che terranno conto delle specificità del territorio di riferimento, in modo da favorire le aree svantaggiate.

Viene identificato il COMUNE come figura proponente per la costituzione della comunità energetica, attraverso la predisposizione di protocolli di intesa cui possono aderire su base volontaria soggetti pubblici e privati.

Le comunità energetiche avranno l’obbligo di redigere annualmente un bilancio energetico e predisporre un documento di programmazione che identifica le azioni che la comunità intende adottare ai fini dell’efficientamento e della riduzione dei consumi.

Per mantenere la qualifica di comunità energetica, la quota dell’energia prodotta destinata all’autoconsumo da parte dei membri dovrà essere superiore al 70% del totale su base annua. Questo rappresenta un obiettivo di efficienza importante al fine di garantire la virtuosità del meccanismo.

Sicuramente da un punto di vista ecologico ciò rappresenta un virtuosismo ma lo sarà anche da un punto di visa economico e infrastrutturale.

La nascita di comunità energetiche aiuterà a diffondere la produzione e lo scambio di energia generata da fonti rinnovabili e consentirà senza ombra di dubbio ad abbattere i costi energetici per cittadini e imprese, superando così l’utilizzo delle fonti inquinanti fossili più onerose.

Il singolo utente PROSUMER, autoconsumatore di energia, potrà scegliere di condividere l’energia rinnovabile in eccesso, creando tanti piccoli poli di distribuzione tali da fare concorrenza ai grandi distributori nazionali.

Un altro impatto da non sottovalutare è la necessità e la diffusione di SMART GRID che consentiranno la miglior gestione dei flussi energetici garantendo la stabilità della rete.

Le comunità energetiche contribuiranno alla riduzione dei flussi di energia sulla rete di trasmissione nazionale, che si traduce in minore energia dispersa sulle reti e quindi meno costi ripartite sulle bollette di tutti.

Vuoi Ulteriori Informazioni

studiotecnico@ingbalzano.com
331.6794367

Sezione Contatti

Mandami un messaggio per ulteriori informazioni
Clicca Qui
Iscriviti alla Newsletter

altre news...

Vuoi rimanere sempre Aggiornato

Condividi Questo Articolo:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
Share on email

studioTECNICO | ing.marcoBALZANO
P.IVA 07986220726
© All Rights Reserved.