Rinnovabili: Parte 2 (Biomasse, Biogas, Biometano)

Nel mix energetico rinnovabili non bisogna sottovalutare l’apporto indispensabile dall’energia prodotta dalle cosiddette Agro Energie: Biogas, Biometano e Biomasse.

Esse sono necessarie sia in termini di efficienza e risparmio energetico ma anche in vista della riduzione di utilizzo di energia fossile (petrolio, metano) e gli obiettivi fissati sulla decarbonizzazione.

Nel panorama delle rinnovabili questi “ecosistemi” rappresentano importanti opportunità per il nostro paese con svariati punti di forza.

Gli impianti a biogas e biometano, grazie alla loro programmabilità, sono complementari con altri tipi d’impianti FER (eolico e solare) che presentano picchi di produzione, consentendo di bilanciare la rete. Infatti se l’Europa da una parte “impone” più energia green dall’altra parte bisogna fare i conti con la realtà pratica ovvero una rete elettrica nazionale non concepita di fatto per una generazione distribuita.

Sicuramente in questi anni si sta facendo tanto sia lato dispositivi di protezione sia con la sperimentazione di reti sempre più intelligenti (Smart-Grids) ma non basta. I potenziali rischi dovuti alla non programmabilità energetica (fotovoltaico ed eolico) possono mettere in crisi i parametri di stabilità delle reti aumentando il potenziale rischio Blackout.

 

Impianti con utilizzo dei biocombustibili consentirebbe di coprire questo fabbisogno.

Inoltre, il biometano prodotto, può essere immesso nella rete del gas e quindi utilizzato per la produzione di energia elettrica, termica o sfruttato nei processi industriale.

Il capitolo trasporti rappresenta una delle novità di maggiore rilievo: da una parte assistiamo alla transizione dalle auto a combustibile fossile verso auto elettriche ormai con prestazioni meccaniche comparabili, costi di gestione/combustibile pari a circa 1/3 rispetto ai sistemi tradizionali (senza considerare eventuale ricarica gratuita con fotovoltaico) e i benefici ambientali.

Oltre alla trazione elettrica, i biocarburanti trovano un ottimo impiego in trasporti avanzati come quelli navali di difficile elettrificazione

E infine, il biometano, biocarburante avanzato. Esso potrebbe essere il cardine della decarbonizzazione del parco autoveicoli circolante con alimentazione a metano (oltre 1 milione in Italia).

Da test universitari è emerso come una macchina alimentata a biometano rispetto a una macchina tradizionale benzina/diesel consentirebbe mediamente una riduzione del 90% delle polveri sottili e il 70% di ossidi di azoto

Sono di qualche giorno fa le dichiarazioni del nuovo ministro delle politiche agricole, alimentari e forestali Centinato.

Nell’illustrare le linee programmatiche del dicastero in un passaggio del discorso ha puntualizzato come le agroenergie rappresentano un’opportunità importante per il settore e che potrebbe rappresentare una fonte di integrazione al reddito base delle imprese agricole.

Il ministro ha puntualizzato come si dovrà sempre di più puntare sulla valorizzazione degli scarti e residui delle produzioni agricole e della gestione forestale sostenibile.

Come lo stesso ministro ha dichiarato, ricordiamo che l’ultimo decreto che incentivava la produzione elettrica da biogas e biomasse è scaduto fine 2017. Ora è necessario pianificare un piano operativo fino al 2020 insieme al Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) proseguendo sulla falsa riga di ciò che è stato attuato fino ad oggi.

Sicuramente, con agosto alle porte e senza eventuali colpi di scena, si dovrà aspettare il termine dell’estate per la diffusione di un testo ufficiale che specifichi le nuove “regole del gioco”.

Sicuramente questo è l’ennesimo segnale positivo per un settore, quello delle rinnovabili, costretto a rimanere ai box per ritardi politici ormai da fin troppo tempo. Non ci rimane che attendere fiduciosi per una ripresa del comparto al più presto.

Leggi anche la parte 1

aggiornamento sul settore Fotovoltaico ed Eolico.

Vuoi Ulteriori Informazioni

studiotecnico@ingbalzano.com
331.6794367

Sezione Contatti

Mandami un messaggio per ulteriori informazioni
Clicca Qui
Iscriviti alla Newsletter

altre news...

Scrivimi per maggiorni :

Se desideri ricevere ulteriori informazioni, contattaci! noi ci occuperemo di analizzare le tue necessità e di predisporti un offerta personalizzata.


Ing.Marco Balzano



Condividi Questo Articolo:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email

studioTECNICO | ing.marcoBALZANO
P.IVA/CF 07986220726
© All Rights Reserved.