Incentivi FER 2018: Timidi Spiragli di Luce

[vc_row][vc_column][rev_slider_vc alias=”Revamping”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”3/4″][vc_column_text css_animation=”bottom-to-top”]

Incentivi FER 2018: Timidi Spiragli di Luce


Un altro piccolo passo avanti a favore delle rinnovabili. 

Mercoledì 17 gennaio il parlamento europeo ha discusso e approvato i nuovi obiettivi vincolanti per tutti gli stati dell’Unione Europea.

Essi prevedono un alzamento dell’asticella con un target pari a un miglioramento del 35% dell’efficienza energetica, una quota minima pari almeno al 35% di energia da fonti rinnovabili nel consumo finale lordo di energia e una quota del 12% di energia da fonti rinnovabili nei trasporti entro il 2030.

La risoluzione legislativa è stata approvata con una larga maggioranza.

Gli obiettivi fissano i parametri d’indirizzo, ora gli Stati membri dell’Ue sono invitati a fissare le necessarie misure interne nazionali per il raggiungimento dei suddetti obiettivi. Quest’ultime saranno monitorate secondo le nuove regole sulla governance dell’Unione dell’energia.

É un passo non indifferente, infatti, il precedente obiettivo previsto dall’UE era pari al 27%.

In Italia, nel frattempo, si attende ancora il decreto sulle energie rinnovabili che sarebbe dovuto uscire entro il dicembre del 2016. Aggiungiamo infine che Il SEN (Strategia Energetica Nazionale), pubblicato nelle scorse settimane, ha come target il 27%. Ricordiamo che quest’ultimo documento non è assolutamente vincolante, illustra gli obiettivi ma non indica come essi verranno raggiunti o gli strumenti che verranno adottati.

Il governo italiano non sta facendo il suo dovere.

È urgente un intervento che dia continuità al settore e che faccia raggiungere gli obiettivi imposti dall’UE.

È fondamentale che venga emanato un decreto che normi gli incentivi e che si intervenga per semplificare le lunghe attività burocratiche necessarie per le autorizzazioni degli impianti.

Tutti questi ritardi stanno creando solo confusione e gettano le imprese del settore nell’incertezza, contribuendo alle mancate occasioni di sviluppo e di lavoro all’intero sistema Paese.

Per rispettare gli accordi di Parigi bisogna scommettere sulle rinnovabili che grazie all’innovazione tecnologica hanno costi sempre più bassi e competitivi nei confronti dei fossili.

L’obiettivo dovrà essere quello di premiare l’autoproduzione e l’autoconsumo autorizzando le comunità di produzione e aumentando le possibilità di realizzare impianti anche in regime SEU (Sistemi Efficienti di Utenza).

Proprio in riferimento a quest’ultimo punto, una delle novità di quest’anno, segnaliamo la possibilità di poter realizzare impianti in regime SEU attraverso lo strumento del noleggio operativo.

Un vantaggio non indifferente per le società energivore che non possono o non vogliono realizzare un impianto rinnovabile ma che non vogliono rinunciare a tutta una serie di benefici economici. Contattaci per maggiori informazioni.

Per concludere, segnaliamo che giorno 9 gennaio il GSE ha pubblicato i dati del contatore della spesa in riferimento agli incentivi per le rinnovabili non fotovoltaiche. Il Gestore segnala un’ulteriore diminuzione pari a 57 milioni di euro portando così il valore complessivo a 5,122 miliardi.

Per dare una spiegazione si segnala che la diminuzione è dovuta principalmente ai segnali di rialzo del prezzo dell’energia, nonché all’aggiornamento della producibilità di alcune classi di impianti e alla scadenza del periodo di incentivazione di impianti con tariffe incentivanti ex-CV e CIP6.

Alla luce di queste novità possiamo confermare che sicuramente qualcosa verrà sicuramente perché adesso anche l’Europa ce lo chiede e sicuramente farà pressione.

Stiamo monitorando le varie conferenze stato-regioni e comunicati dai ministeri. Speriamo che il governo prima delle elezioni intervenga.[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/4″][ucaddon_uc_caption_hover_effects_4 image=”3170″ caption_title=”Incentivi FER” caption_subtitle=”www.ingbalzano.com” button_link=”http://www.ingbalzano.com” uc_init_settings=””][contact_box title=”Contattaci” telephone=”+39 331.6794367″ email=”studiotecnico@ingbalzano.com”][vc_widget_sidebar sidebar_id=”sidebar-articoli”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_cta h2=”” txt_align=”center” css_animation=”top-to-bottom”]

Vi aggiorneremo tempestivamente in caso di novità e invitiamo anche voi a farlo in modo tale da condividere queste informazioni preziose per tutti gli operatori del comparto delle rinnovabili.

[/vc_cta][vc_column_text][button title=”RICHIESTA INFORMAZIONI” link=”http://www.ingbalzano.com/contatti/” target=”_blank” align=”center” icon=”fa fa-location-arrow” icon_position=”right” color=”theme” font_color=”” size=”2″ full_width=”” class=”” download=”” rel=”” onclick=””][/vc_column_text][vc_text_separator title=”Per Informazioni” i_type=”openiconic” i_icon_openiconic=”vc-oi vc-oi-pin” i_background_style=”rounded” add_icon=”true”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column width=”2/3″]

[vc_facebook][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vc_cta h2=”” h2_google_fonts=”font_family:Open%20Sans%3A300%2C300italic%2Cregular%2Citalic%2C600%2C600italic%2C700%2C700italic%2C800%2C800italic|font_style:400%20regular%3A400%3Anormal” use_custom_fonts_h2=”true”]

Se desideri ricevere ulteriori informazioni, contattaci!
noi ci occuperemo di analizzare le tue necessità e di predisporti un offerta personalizzata.

[/vc_cta][vc_wp_tagcloud taxonomy=”post_tag”][/vc_column][/vc_row][vc_row][vc_column][vc_wp_text]

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

[/vc_wp_text][/vc_column][/vc_row]